Archivi tag: emmenagogo

cinnamomum-tamala

Cannella tamala

L’olio essenziale di cannella tamala è utilizzato nella medicina ayurvedica per regolare la circolazione sanguigna e l’obesità. E’ molto purificante ed ha un aroma che la rende molto apprezzata in combinazione con gli agrumi per la profumazione degli ambienti.
cinnamomum tamala

In questo articolo tratterò l’olio essenziale di Cannella tamala: Cinnamomum tamala. Continua a leggere

pimpinella anisum

Anice

L’olio essenziale di anice è rinomato per essere anti-spasmodico, benefico per regolare il ciclo mestruale ed alleviare i dolori e ridurre i distrubi della menopausa. L’unguento in genere si applica sull’addome.
pimpinella anisum In questo articolo tratterò l’olio essenziale di AnicePimpinella anisum. Continua a leggere

salvia sclarea

Salvia sclarea

L’olio essenziale di Salvia sclarea regola i disturbi mestruali, della menopausa e della sudorazione. Favorisce inoltre la crescita dei capelli, oltre ad essere un ottimo rimedio per i capelli grassi o per la forfora.

Salvia sclarea

In questo articolo tratterò l’olio essenziale di Salvia sclareasalvia sclarea. Continua a leggere

cinnamomum cassia

Cannella cinese

L’olio essenziale di cannella cinese è noto per le sue proprietà anti-infettive e viene considerato uno degli oli indispensabili da tenere a casa. Forte tonico e afrodisiaco oltre che positivante, viene usato molto diluito in un olio vegetale come olio da massaggio per stimolare i centri nervosi.
Cinnamomum cassia

In questo articolo tratterò l’olio essenziale di Cannella cinese: Cinnamomum cassia. Continua a leggere

Finocchio dolce Foeniculum-vulgare-var-dulce

Finocchio dolce

L’olio essenziale di finocchio dolce regola il ciclo mestruale, ne allevia i dolori e riduce i disturbi della menopausa applicato sul basso ventre diluito in un olio vegetale. E’ molto efficace anche contro la cellulite.

Il termine finocchio deriva dal latino “foenum”, fieno, a causa della sottigliezza delle sue foglie e del suo profumo.

Insieme all’anice, al carvi e al cumino, il finocchio compone le “quattro semenze calde“, vale a dire dei semi che, assunti tramite tisane, o masticati crudi, venivano utilizzati sin dall’antichità per le loro proprietà digestive, antifermentative e carminative. Continua a leggere